Salta al contenuto
Rss




Italiano

Chiesa di San Sebastiano

La piccola chiesa dedicata a San Sebastiano sorge in posizione dominante su un'altura fuori dall'abitato, lungo la strada che conduce a Massino Visconti.
Documentazioni certe sull'esistenza della cappella risalgono alla fine del XIII secolo, anche se la sua costruzione è riconducibile al 1100-1125, per la particolarità delle strutture murarie. é a navata unica con abside semicircolare, orientata; la facciata è a capanna.
Molto particolare la struttura del campanile: inglobato nella muratura, poggia su due pilastrini posti all'interno dell'edificio e si presenta con tre ordini di specchiature decorate da archetti pensili. Le aperture sono diverse fra loro: nel primo ordine compare una stretta monofora a feritoia, nel secondo una monofora con archivolto e nel terzo una bifora con archivolto cigliato.
L'abside è decorata da archetti pensili irregolari a gruppi di cinque e divisa in tre lesene, con altrettante finestrelle strombate.
Originale l'apertura a croce posta sulla parete sopra l'abside, alla quale, nell'interno, corrisponde una sagoma affrescata di Cristo-Luce affiancata, in basso, da due pecorelle.
Il catino absidale è decorato da affreschi di modesta fattura quattro-cinquecenteschi raffiguranti Cristo Pantocratore con i simboli degli Evangelisti e alcuni Santi.


English

St. Sebastiano church

The small church dedicated to St Sebastian is perched on a small hill standing not far from town, along the road leading to Massino Visconti.
The chapel is documented as far back as the end of the 12th century, and the construction can be dated from the period 1100-1125, as confirmed by the stonework of the masonry.
The church has a single nave with semicircular apse and a gabled façade. The bell tower is noteworthy; attached to the church wall, it stands on two pillars visible on the interior of the church.
The bell tower has three stories, decorated with blind arches. The openings are of different design: a narrow window on the first story, an arched window with archivolt on the second story, a gemel window with archivolt on the third.
The apse, ornamented with irregular blind arches, is divided by three pilasters and features three small splay windows.
The apse features an unusual cross-shaped opening, having on the interior a fresco representing Christ as Light and two lambs.
The apse walls are decorated with frescoes of modest value, dating from the 15th and 16th centuries and depicting Christ Pantocrator with the symbols of the Evangelists and some saints.


a cura di Andrea Montano

La piccola chiesa di San Sebastiano rappresenta un caso quasi unico di un edificio sacro romanico che ha conservato nei secoli la struttura originale, senza aggiunte o modifiche di rilievo, se si esclude un bene intenzionato ma estremamente goffo tentativo di restauro di circa cinquant'anni fa.
Sorge su un piccolo poggio panoramico di fronte a Villa, che domina il più antico punto di attraversamento dell'Erno, dove già passava l'antica strada romana, che correva ai piedi della collina: ancora oggi il ponte ai piedi della chiesa di San Sebastiano viene chiamato "romano", anche se è di costruzione moderna.
Intorno alla chiesa sono stati trovati resti di sepolture di epoca romana, ora scomparsi; nei boschi circostanti si incontrano ancora tratti del selciato in ciottoli dell'antica mulattiera per Massino.
La sua storia è piuttosto oscura: costruita probabilmente tra il 1100 e il 1125, a giudicare dalla struttura del campanile, è esplicitamente menzionata nei documenti solo verso la fine del XIII secolo. La tradizione popolare la mette in relazione, come sempre nel caso di piccole chiese isolate con un villaggio oggi scomparso e la cui reale esistenza è del tutto improbabile, e con varie epidemie, confuse tra loro nel ricordo, delle cui vittime segnerebbe il luogo di sepoltura collettiva (altro esempio è la chiesa di Santa Cristina di Calogna).
La sua funzione originale, come pure le circostanze della sua costruzione sono comunque ignote, anche se si possono far risalire al desiderio di Lesa di far valere la sua giurisdizione su un punto di passaggio e di incrocio di strade.
La struttura dell'edificio è molto semplice con un'abside e navata unica, orientata come di regola verso est. Il campanile si appoggia sulla muratura della chiesa e all'interno su due pilastrini e mostra una struttura su tre ordini, con aperture di dimensioni crescenti: semplici feritoie in basso, monofore in mezzo e bifore al livello più alto.
L'abside è divisa in tre parti da lesene, con altrettante finestrelle a doppia strombatura e archetti pensili; nel muro sopra l'abside si apre una finestrella cruciforme, a cui corrisponde, all'interno, un affresco simbolico di Cristo-Luce.
L'apertura stessa costituisce il corpo del cristo e ai suoi lati sono dipinte due braccia aperte; in alto il sole e la luna, in basso due pecorelle protese verso la figura centrale, che rappresentano il popolo di Dio, e al di sotto di essa fronde fiorite, rappresentazione simbolica del paradiso.
La rappresentazione del tema della redenzione attraverso il Cristo risorto, nella sua semplicità è estremamente efficace e unica nel suo genere. Raffigurazioni simili erano forse ampiamente diffuse in zona nel XII secolo, ma questa è comunque l'unica sopravvissuta e non si può escludere del tutto che si tratti di un esemplare unico, un'invenzione teologica e artistica locale.
Nel cantino dell'abside è affrescato il Cristo Pantocratore con i simboli degli evangelisti; al di sotto gli Apostoli; l'opera è probabilmente del secolo XV e di fattura modesta.
L'altare, dopo l'eliminazione della sovrastruttura lignea di età barocca, appare come un semplice parallelepipedo di pietra del tutto spoglio, come lo è la navata.
La muratura impiega tecniche diverse nella parte inferiore e in quella superiore, ma non c'è nessuna prova che la costruzione sia avvenuta in fasi diverse.


Stemma della Provincia di Novara Tratto da:
"Percorsi, Storia e Documenti Artistici del Novarese
Antichi centri fra lago e collina - Volume 22"
Provincia di Novara 2005






Inizio Pagina Comune di LESA (NO) - Sito Ufficiale
Via Portici n.2 - 28040 LESA (NO) - Italy
Codice Fiscale: 00439190034 - Partita IVA: 00439190034
Visualizza Contatti


|